Lingue e cultura

Se la lingua materna struttura l’identità personale, connettendo la persona alla cultura che in quella lingua si esprime, l’apprendimento delle lingue straniere diventa allora il possibile veicolo dell’incontro con l’altro. Esse sono un mezzo prezioso per promuovere un’educazione interculturale, curiosa delle diversità e aperta alla loro conoscenza, ma anche per facilitare il contatto e il dialogo, la mediazione e l’inclusione in società come le nostre in cui il fenomeno dell’ immigrazione pare farsi sempre più strutturale e presente. Non è infatti un caso che anche le Raccomandazioni del Parlamento europeo includano tanto la comunicazione nella madre lingua quanto quella nelle lingue straniere tra le «competenze-chiave» utili per la vita e degne di essere fatte oggetto di apprendimento permanente.

Sui due versanti della tradizione storico culturale espressa in lingua italiana e della cultura espressa in altre lingue europee (inglese e francese) si articola l’offerta formativa dell’istituto. Al primo aspetto andranno ricondotte tutte le iniziative che, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria, tendono a stimolare il piacere dell’ascolto del testo scritto o della lettura, la familiarità con diverse tipologie testuali (il testo poetico, quello giornalistico, quello teatrale…) e con ambienti dedicati alla trasmissione culturale e al deposito vivo di memoria (la biblioteca, il museo…).

L’unitarietà e progressività dell’offerta caratterizza anche le proposte relative al potenziamento delle competenze nelle lingue straniere (la maggior parte delle attività si inquadra nel progetto comune e trasversale *Parliamo … al mondo: cfr. I.2.d). Se infatti nella scuola dell’infanzia l’approccio alla lingua inglese avviene stimolando nei bambini il piacere della scoperta e la curiosità attraverso attività ludiche extracurricolari, con un’insegnante madre lingua, nella primaria all’inglese viene affiancato – con le stesse modalità – il francese, mentre si avvia la didattica dell’inglese anche in classe. Questo approccio favorisce l’accostamento alla formazione bilingue che caratterizza l’offerta della scuola secondaria, in cui la didattica curricolare in aula per entrambe le lingue è arricchita e integrata da alcune proposte extra-curricolari che danno (nella classe terminale del percorso) la possibilità di accedere a certificazioni linguistiche europee (TRINITY e DELF) e di assistere a spettacoli teatrali in lingua.